Come preparare un lungo viaggio

Vuoi preparare anche tu un viaggio simile?

La vespa ti sembra il mezzo più ideale comodo e veloce per andare a fare gli auguri di buon Natale ad un lontano parente nel Michigan?

Ecco a te una veloce guida per riuscire nell’impresa!

Cosa ti serve? Poco, se vogliamo. Un mezzo, un po’ di soldi (molti meno di quelli che state pensando,io ne ho spesi 500 per TUTTO), qualche vestito, molto tempo da perdere negli uffici ed un sacco di determinazione!!!

Cominciamo con il mezzo.

LA VESPA

Capolavoro di robustezza e semplicità.
Tantissimi pregi, pochissimi difetti, alcuni dei quali eliminabili.
Novizio della meccanica di ogni tipo, grazie al grande, immenso Edoardo “Eddy” Bertero sono riuscito a capire che non è il motore a gatto imburrato a far girare le ruote della mia vespa.
Senza Eddy non potrei neanche pensare di partire. Volete conoscerlo o farvi installare un motore a gatto imburrato al posto del vecchio pistone? Niente di più facile.
Edoardo “Eddy” Bertero

PREPARAZIONE DEL MEZZO

La mia Vespa ha ben 32 anni e 65.000 km sulle ruote,quindi proprio nuova non è,anzi.

Grazie ad Eddy adesso so abbastanza bene dove mettere mano e mi sono anche reso conto che,tolto il mio vecchio telaio e poche altre parti,prima di un viaggio così lungo TUTTO deve essere sostituito,oltre a portarmi una “seconda” Vespa di ricambio.

Se cercate un ricambio qualsiasi per la vostra Vespa,senza doverli ordinare da dieci posti diversi,il posto ideale è sicuramente l’OFFICINA TONAZZO

Officina Tonazzo - Torino

Officina Tonazzo - Torino

Con più di 2000 articoli diversi per la Vespa c’è ogni cosa che possa servire,dalla più piccola parte dell’impianto elettrico fino al motore completo.

Il motore stesso ha subito una totale revisione da parte del Signor Tonazzo,grazie alle sue mani esperte posso partire tranquillo per l’Estremo Oriente.

A breve aprirò una piccola parentesi,solo per “vespisti”,sulla preparazione vera e propria del mezzo,con tutte le modifiche da farsi

VESTITI

Tucano Urbano

Tucano Urbano

Sconsigliabile la pelliccia in Agosto in Iran come anche il costume da bagno in Dicembre in Cina. Calcolate inoltre di dover usare, visto che andate in moto, vestiti da moto. Questo vuol dire anti-vento,anti-pioggia,robusti e flessibili.
In poche parole Tucano Urbano.
Ottimi sotto i punti di vista,va sottolineata la flessibilità dei loro vestiti.
La giacca Libeccio,con la possibilità di aggiungere o togliere protezioni e imbottiture.
I pantaloni Canvas inoltre si possono facilmente trasformare in pantaloncini,ottimi per l’estate e pure per l’inverno.
Il termoscud, l’unico e inimitabile per evitare vento e pioggia.
I copriguanti Gordon, anti-pioggia e antivento.
Come ogni buon vespista non poteva mancare un buon accessorio da vespista DOC.
Dove? Ma da Eddy! (www.rudeboy.it) non è solo un meccanico,ma anche un piccolo negozio in Torino,con ogni genere di vestiti per un vero vespista e non solo!

Rudeboy Shop Torino

Rudeboy Shop Torino

DOCUMENTI

Vespa Online

Vespa Online

Questo è il vero tallone d’Achille per ogni viaggio extra-europeo che si voglia intraprendere. Spero di riuscire a darvi una mano,questo è quanto di più chiaro e completo che io abbia trovato in vari mesi di ricerche.

Questi sono i documenti necessari:

Per ogni tipo di documentazione necessaria www.vespaonline.it è una vera miniera,lì troverete una risposta ad ogni vostra domanda.
Se siete di Torino e odiate fare lunghe ricerche,niente di meglio che chiedere al www.vespaclubtorino.it
Chiedete di Emilio!!
Sapranno rispondere ad ogni dubbio di persona con gentilezza,e se non siete mai stati ad un vespa-raduno questo è il posto ideale per voi!!

Vespa Club Torino

Vespa Club Torino

IL PERCORSO

Dove si passa per andare dall’Italia al Giappone? Come andare dal punto A al punto B?
Due sono gli aspetti fondamentali da considerare:
- la stagione di partenza
- le barriere politiche
Non potendo sapere di preciso quando partirò (cronica la mia mancanza di soldi) ma sapendo che la mia partenza sarà in un periodo compreso tra la metà di Luglio e la metà di Ottobre, il percorso più logico, cioè passare attraverso la Russia e le ex-repubbliche Sovietiche fino a Vladivostok deve essere scartata.
Da qui la necessità di passare più a Sud, possibilmente costeggiando l’Oceano e stando ben alla larga dalla Cina. Questo perché, se è vero che entrare in Cina per turismo o lavoro, con un comodo aereo, è oggigiorno possibilissimo, questo non vale per chi tenta di entrare in Cina via terra.
Ad oggi, dopo decine e decine di chiamate ed email (troppo spesso senza la minima risposta) non ho ancora la certezza di poter ottenere il visto d’entrata per la Cina, che comunque mi dicono possa essere rifiutato alla frontiera, a seconda dalla simpatia che si esercita sul doganiere di turno.
Non volendo rischiare troppo (non vorrei arrivare, senza soldi, alla frontiera Cinese col Kazakistan e sentirmi dire che non posso proseguire oltre, anche se magari il visto d’entrata è in regola.
Rimane soltanto più una via, che attraverso Turchia, Iran e Pakistan mi porterà direttamente in India.
Per la mia vespa l’India è chiusa a Nord da una piccola catena montuosa, l’Himalaya, mentre ad Est il regime dell’ex-Birmania, oggi Myanmar, confinante con il Bangladesh, impedisce a chiunque l’accesso e gli spostamenti nel proprio paese.
Quindi cosa fare? La prima idea è, spesso, se non la migliore, quella giusta.
Visto che la mia prima idea fu di trasportare la mia vespa a bordo di una nave fino a Singapore, vi rimango fedele.
Ma come trasportarla ed in che modo? (in futuro renderò la mia Vespa anfibia, così smentirò tutti quelli che mi ripetono che “il Giappone è un’isola, quindi NON ci si può arrivare in Vespa”! pessimo e miope ragionamento…)
In barca,ovviamente. O in aereo. Ma come sapere dove, quando ed in che modo?

Semplice!!!

Si deve perdere molto tempo a trovare la spedizione migliore.Spedire la Vespa dal Nepal a Bangkok in aereo mi e` costato circa 400 euro.Dal Vietnam al Giappone il costo e` invece lievitato a quasi 1000 euro.
Una lentissima nave container a portato infatti la mia Vespa fino ad Osaka, a pochi chilometri dal mio Obiettivo:
conquistare l’Oceania, l’Europa più un terzo continente a tua scelta
Kyoto!!!!
Arrivato a Kyoto il 6 Dicembre ho dovuto aspettare pero fino al 28 Dicembre prima di poterla ritirare e guidare finalmente in Giappone.

LA CESVI E LA SCOMMESSA

La Cesvi (Cooperazione E SVIluppo) è una giovane Onlus italiana nata nel 1985 a Bergamo,che fonda la sua filosofia cesvi2d’azione nel motto “Cooperiamo con chi ha bisogno.Perché non abbia più bisogno di noi.”

L’intero viaggio sarà patrociniato dalla Cesvi.Durante il viaggio cercherò di visitare,conoscere -e far conoscere- i progetti che la Cesvi ha nei paesi che toccherò,dai Balcani all’India,dal Laos al Vietnam.

Sul sito www.cesviamo.org le scommesse sono a fin di bene.Volete scommettere sulla riuscita del mio viaggio?Eccovi serviti!

QUANDO VIAGGIARE…SI STUDIA A SCUOLA

scuolaviaggio

Grazie a Michele Ferrari,docente & vespista, potrò raccontare il mio viaggio in “diretta” via webcam.

Docente del laboratorio di Fotografia e Video in una scuola del tutto particolare,unica nel suo genere.

La Scuola Del Viaggio si impone come finalità non quella di insegnare a viaggiare,bensì a migliorare la propria capacità di comprendere e raccontare i luoghi attraverso la scrittura, la fotografia e il disegno.

Potrò così raccontare in diretta web-cam con brevi collegamenti il mio viaggio agli alunni della Scuola del Viaggio,mentre grazie all’aiuto dei docenti io stesso,una volta finito il mio viaggio documentare e ricostruire al meglio il mio viaggio.

E non sottovalutiamo il fatto che Michele è anche un vespista…..

Cerca nel sito