Il ritiro della Vespa in Giappone

by on gen.14, 2010, under Diario di bordo

p1050649.jpg [singlepic id=504 w=320 h=240 float=none] p1050645.jpg

Il 25 Dicembre in Giappone non e festa (lo e invece il 23,si festeggia il compleanno dell`imperatore) e posso cosi partire dal mattino con il casco in mano tutti i documenti che mi servono per fare altri documenti e la mia ragazza che traduce salvandomi da pessime figure.La nostra buona volonta non basta,e una volta fatti tutti i documenti nei vari uffici sparsi tra il centro di Osaka e l`area portuale arriviamo al penultimo ufficio troppo tardi.Sono ormai le 18 e anche se sono tutti gentilissimi non si puo fare nulla.Con la coda tra le gambe ce ne torniamo indietro,sapendo che tutto e solo rimandato a Lunedi 28.Poter prendere la Vespa il giorno di Natale sarebbe stato un regalo troppo bello.

Lunedi 28 torniamo col mi chilo abbondante di documenti e in poco piu di due ore posso vedere,finalmente,la cassa dove giace la Vespa.Tutto e perfetto tranne il portapacchi davanti che e leggermente rotto,non mi posso lamentare.Se subito sembra non voler partire dopo averci pasticciato un po` parte che e una meraviglia.Tutto finito,dico.Posso finalmente prendere la Vespa,guidare fino a Kobe per prendere il traghetto e andare con la mia ragazza a casa dei suoi genitori che ci aspettano.Troppo facile.

Mi dicono che la cassa in legno devo o portarmela via,o pagare 10.000 yen per il riciclaggio(circa 80 euro)Ovviamente non ho nessuna intenzione di pagarli,penso di dileguarmi ma poi mi ricordo che sono in Giappone,sono precisissimi e hanno le fotocopie di tutti i miei documenti e passaporto.Chiedo uno sconto,niente.Cerco un bidone dove buttarlo,ma in Giappone non esistono bidoni.Decido comunque di smontarla a calci intanto che spero accada qualcosa,e qualcosa accade in effetti.Si fa tardi e perdiamo cosi il primo traghetto delle 15,la mia ragazza si mette a piangere a dirotto,io cerco di chiedere ai signori di trovare gentilment una soluzione,loro parlano giapponese,io martello Saki che intanto piange di tradurre,la chiamano al telefono i nonni la cugina la madre TUTTA la famiglia e in questo caos si trova una soluzione.Visto che ho gia smontato la cassa dicono che per 5.000 yen ci pensano loro,accettiamo e scappiamo letteralmente.Finalmente ho la Vespa.Supero anche il problema di fare il pieno ad un distributore automatico (ti pareva…) la Vespa per fortuna non mi abbandona ed a parte il freddo tutto fila liscio.

p1050709.jpg

Non puoi lasciare commenti.

Cerca nel sito